Non aprire un E-commerce nuoce gravemente alla salute

pagamenti e-commerce
Metodi di pagamento da adottare sul tuo e-commerce
2 Febbraio 2016
e-commerce btob
Ottimizzare un e-commerce B2B: 3 step da seguire
23 Febbraio 2016
Aprire un e-commerce

In Italia gli acquisti online crescono esponenzialmente ma le PMI non fiutano questa opportunità.

acquisti online

“Il fumo nuoce gravemente alla salute”, questo è quello che troviamo scritto ormai da tempo sui pacchetti di sigarette. Quello che dovrebbero implementare alla costituzione di una nuova società web è qualcosa che non si discosta molto da quella scritta tanto odiata dai fumatori: non aprire un e-commerce nuoce gravemente alla salute della tua azienda!

C’è da fare una premessa: il mondo dell’e-commerce è sinonimo di trasparenza e competitività sui prezzi, tanto da tenere bassa l’inflazione (ad affermarlo non una persona qualunque, bensì il presidente della Bce Mario Draghi).

Come rispondono le PMI alla domanda “ha mai considerato l’apertura di un e-commerce?”. La risposta ce la fornisce una ricerca effettuata da TNS:  il 92% delle Pmi intervistate ha affermato di non aver mai preso in considerazione la possibilità di sfruttare una piattaforma e-commerce, nonostante più della metà (52%) dichiara di avere un sito internet attivo. Ancora più evidente è la stucchevole diffidenza e mancanza di fiducia delle Pmi verso il mercato online (88%), che ritengono l’e-commerce poco o per nulla utile o di quelle (il 69%), convinte che non porti aumenti di fatturato.

Prima di continuare a parlare di opportunità voglio ricordarti che, senza un buon progetto e un buon prodotto che soddisfi i requisiti della domanda (possibilmente di nicchia), una struttura web adeguata non si va da nessuna parte.

PMI dormienti, ma intanto cosa accade nell’Italia che preferisce restare sveglia? Chi decide di non aggrapparsi ai sogni (o incubi) del passato, trova davanti a se una situazione quantomeno incoraggiante, positiva e piena di opportunità: la domanda cresce ed i cacciatori di offerte popolano sempre di più il panorama del commercio online, anche nella nostra, solitamente, “vecchia” Penisola e fanno registrare un incoraggiante +15% sulla cifra totale generata per gli acquisti rispetto all’anno passato ed un generoso +27% in termini di volumi.

“L’e-commerce non porta aumenti di fatturato”, dicevano. Spiegatelo agli italiani che vendono su Ebay: nell’ultimo anno è stato registrato un aumento del 20% dei venditori italiani che sono riusciti a realizzare un fatturato pari o superiore alla modica cifra di 1 milione di euro.

I nuovi giovani imprenditori saranno gli autori del cambio di rotta, verso un commercio più digitalizzato e proiettato verso il futuro, un futuro che vedrà gli acquisti online diventare una colonna portante dell’economia. Non si allarmi nessuno, ma qui il religioso e saggio detto “gli ultimi saranno i primi” non regge, anzi, “chi prima arriva meglio alloggia”. Si, proprio così: il web corre veloce e sulla griglia di partenza per il momento c’è spazio per molti, il problema sorgerà quando chi al momento dorme beato si sveglierà dal coma e penserà di trovare ancora un posticino per partecipare alle gare.

Come emergere sul web con il proprio e-commerce

Se da una parte l’opportunità di aumentare i fatturati è ghiotta, dall’altra c’è da sfatare un mito popolare: aprire e affermarsi con un e-commerce sul web non è una soluzione a basso costo, bisogna investire! Funziona grosso modo come quando si apre un negozio fisico, con la differenza che, invece di investire in arredamento, affitto del locale, mensole, registratore di cassa e volantini, per l’e-commerce si investe in:

  • Acquisto del dominio e creazione shop
  • ottimizzazione
  • campagne di promozione e fidelizzazione del cliente

Avere un e-commerce senza investire su gli ultimi 2 punti sopra citati equivale ad aprire un negozio fisico in una via periferica e deserta. Il lavoro è tutto lì: su internet non ha successo chi ha il prezzo più basso ma chi riesce ad ottimizzare la percentuale di conversione, la fidelizzazione del cliente ed il posizionamento sui motori di ricerca.

Per saperne di più sul mondo dell’e-commerce, ti invito a scaricare il report gratuito che trovi qui sulla destra!

Carmine Grassio
Carmine Grassio
Fondatore di latinet.it e co-fondatore di SOS Conversioni, dal 2001 aiuta eCommerce ad acquisire e fidelizzare nuovi clienti online attraverso strategie mirate di web marketing.

Questo sito web utilizza i cookies per fornirti  la migliore esperienza di navigazione possibile. Acconsenti all'utilizzo dei Cookies cliccando sul pulsante o scrollando la pagina.