Cos’è il referrer spam e come bloccarlo

Ab test: a cosa serve e perché usarlo
26 Ottobre 2015
Pagine prodotto
E-commerce di successo: 7 errori da evitare nelle tue pagine prodotti
9 Novembre 2015

Forse non lo sai, ma potresti avere visite da siti Spam e statistiche falsate su analytics

Se una volta effettuato l’accesso al tuo account analytics e aver analizzato le sorgenti di traffico hai letto nomi come site1.floating-share-buttons.com o www.get-free-traffic-now.com, sei vittima di referrer spam, e se non interverrai in fretta tutte le statistiche del tuo sito potrebbero essere compromesse e non attendibili.

referrer spam

Referrer spam: chi sei?

Chiamato anche referrer bombing o log spam,  è un software molto simile ai più noti spider (come Googlebot): scansiona il web visitando un numero elevatissimo di siti internet, che a sua volta verrà indicizzato dai motori di ricerca.  Il suo scopo è gonfiare artificialmente il traffico di determinati siti web

In pratica, senza usare troppi termini tecnici, oltre a favorire siti che applicano strategie “disoneste” nel risalire posizioni nei motori di ricerca, queste “furbe” tecniche influiranno anche sulle tue statistiche, nello specifico renderanno i dati del bounce rate (la frequenza di rimbalzo dei visitatori) e la durata delle sessioni, dati da buttar via, in quanto irreparabilmente compromessi. Perchè? Cosa accade? Accade che queste “visite” che riceverai sul tuo sito, avranno sempre permanenza pari a 0 secondi (qui le statistiche sulla durata delle sessioni sono state appena compromesse), in più si limiteranno al traffico di 1 sola pagina per volta (idem per il bounce rate, compromesso anche quest’ultimo).

Questi referral spam vanno bloccati, per evitare di ricevere traffico “artificiale” e ovviamente anche esclusi dai risultati di Analytics.

Referrer spam: bloccarlo con il file .htaccess presente nella root

Esistono più soluzioni al problema, entrambe valide: una è quella di agire sul file .htaccess. (Nell’esempio agiremo sul referrer spam site1.floating-share-buttons.com)

Modificando il file .htaccess presente nella root del tuo sito, aggiungerai il seguente codice e salverai il file (per aggiungere altri siti, basterà copiare le ultime due righe e cambiare l’indirizzo in “RewriteCond“):

SITE REFERRER BANNING
RewriteCond %{HTTP_REFERER} site1.floating-share-buttons.com [NC,OR]
RewriteRule .* – [F]

Referrer spam: bloccarlo tramite plugin

Nel caso utilizzassi WordPress, esiste un plugin semplice e pratico che può venirci in soccorso: SpamReferrerBlock.

Una volta installato il plugin potremo accedere alle impostazioni (che in realtà sono poche, non occorre settare nulla) dal back-end di WordPress->impostazioni->Spam Referrer Block.

Tra le prime opzioni da poter settare, vi ritroverete voci da spuntare a seconda delle vostre preferenze, come ad esempio se inviare o no la propria black list personale all’autore del plugin, in modo tale da migliorarlo, o dove indirizzare e cosa mostrare ai referrer spam.

referrer spam

Di seguito invece è mostrata (in piccola parte) la lista di referrer spam ai quali il plugin si impegna a dare battaglia.

referrer spam

Referrer spam: Google Analysics

Arrivato a questo punto, se avete attive le statistiche di Google Analytics, è opportuno seguire anche la seguente procedura:

  • Vai sull’account di Google Analytics
  • Seleziona il sito sul quale hai modificato il file .htaccess
  • Nella barra in alto clicca su amministrazione
  • Seleziona Tutti i filtri e poi clicca su Aggiungi filtro
  • Assegna un nome al filtro e seleziona Personalizzato

referrer spam analytics

  • In Campo filtro seleziona Sorgente campagna ed in Pattern filtro inserisci l’indirizzo da bloccare (in questo caso, floating-share-buttons.com)
  • Seleziona Tutti i dati del sito web da Applica filtro alle visite e clicca su Aggiungi
  • Non ti rimane altro che cliccare sul pulsante Salva

referrer spam analytics

La guida si conclude qui.

Se vuoi approfondire argomenti sul mondo dell’e-commerce, scarica il Report Gratuito qui a fianco oppure contattaci!

Carmine Grassio
Carmine Grassio
Fondatore di latinet.it e co-fondatore di SOS Conversioni, dal 2001 aiuta eCommerce ad acquisire e fidelizzare nuovi clienti online attraverso strategie mirate di web marketing.

Questo sito web utilizza i cookies per fornirti  la migliore esperienza di navigazione possibile. Acconsenti all'utilizzo dei Cookies cliccando sul pulsante o scrollando la pagina.